6 band che non hanno avuto il successo che pensate

Kinks
Mandatory Credit: Photo by Dezo Hoffman/REX/Shutterstock (14448f) The Kinks – Ray Davies, Mick Avory, Dave Davies and Pete Quaife Various – 1966

Alcune rock band sono talmente celebri da non poterle ignorare, altre invece hanno costruito una brillante carriera sfuggita alla tempesta mediatica e rimasta nel cuore di coloro le amano. Ricordiamo 6 grandi gruppi celebri, ma non quanto dovrebbero. 

T-Rex

Una delle canzoni più celebri di inizio anni Settanta, Get It On, appartiene alla firma inconfondibile dei T-Rex e del loro carismatico leader, Marc Bolan. Tuttavia è forse l'unica canzone con cui i più conoscono il gruppo, che invece si contraddistinse dal 1969 con la sua psichedelia folk, per poi raggiungere sinuose sfumature elettriche. Non a caso Bolan era soprannominato Cavaliere Elettrico e diede al suo gruppo una forte connotazione estetica, glam, androgina, che ispirerà anche David Bowie con Ziggy Stardust. Non solo, perché diversi gruppi, come i Joy Division e i Pixies sono stati influenzati dai T-Rex e forse non lo sapevamo.

Pixies

Una delle band eredi dei T-Rex porta il nome dei Pixies, gruppo alternative rock di fine anni Ottanta, verso cui Kurt Cobain riconosce un prezioso debito artistico. Tuttavia le sonorità cupe, pesanti e distorte della band, pur avanguardistiche e speciali nelle loro fattezze espressive, non hanno evocato un largo apprezzamento di pubblico. Come Bolan, il loro nome è principalmente legato al brano Where Is My Mindcontenuto nell'album di debutto SURFER ROSA (1988). Soprattutto in molti avranno sentito la canzone come sfondo cinematografico per l'iconica scena finale di Fight Club (1999) di David Fincher.

Blue Öyster Cult

Il Culto Dell'Ostrica Blu è un'espressione talmente evocativa da non poter essere ignorata. Tuttavia il gruppo, pensato dal produttore Sandy Pearlman come il contraltare statunitense dei Black Sabbath, non ebbe lo stesso successo dei fratelli britannici. Nonostante la perizia compositiva e la capacità di ritrarre frammenti inediti di quotidianità fantastica, i Blue Öyster Cult cavalcarono l'attenzione mediatica con un solo brano, Don't Fear The ReaperTuttavia il loro stile, impreziosito di ispirazioni ai Cream e ai Led Zeppelin, non può essere dimenticato. 

Slade 

La rock band britannica di fine anni Sessanta ha percorso una carriera funambolica, tracciata su salite e discese altalenanti. Così, se agli albori del glam rock gli Slade erano un riferimento simbolico, con il passare del tempo, la nascita del punk rock e l'accentuazione delle sfumature heavy, il gruppo divenne obsoleto. Tuttavia, forse non tutti sanno l'infinita eredità che hanno avuto sui gruppi hard rock e hair metal degli anni Ottanta, a partire dai Quiet Riot, artefici della cover più famosa di Cum On Feel The NoizeNon solo, ma anche Joey Ramone ha dichiarato di essersi formato su SLADE ALIVE!

The Kinks

E i Ramones, così come i Clash, sono stati largamente influenzati anche dai Kinks, il cui nome vi riporta immediatamente alla memoria la celebre You Really Got MeQuesta canzone non solo fu la prima a usare il suond distorto alla chitarra, ma sancì anche una chiara dichiarazione musicale d'intenti della band, offuscata però dalla crescita dirompente dei Beatles. Come i Kinks, i Fab Four erano quattro britannici con un talento brillante e il desiderio di conquistare l'incipiente scena brit rock. Nonostante la repentina evoluzione della scena pop-rock, i Kinks rimangono tra i padri fondativi della musica giocata sul sapiente uso dei riff. 

Uriah Heep

Sempre sul panorama di fine anni Sessanta si affermano gli Uriah Heep, britannici che fanno delle armonie complesse e sfaccettate il loro punto di forza. Queste si accompagnano a componenti rock e jazz lungo un andamento progressive, tanto amato all'inizio degli anni Settanta da occupare alte posizioni nelle classifiche di vendita. Con il tempo, però, il loro nome si è assopito nelle memorie del passato, anche se il loro lascito stilistico appartiene a importanti gruppi prog metal della scena contemporanea, come i Dream Theather. 

You May Also Like