“1991. Il risveglio del rock”: il libro da non perdere sulla rivoluzione del rock

1991 Il Risveglio del Rock cover piccola

Il 1991 è un anno eccezionale per il rock. Ne ha scritto Paolo Bardelli per Arcana Edizioni.

Come in presenza di una congiunzione astrale, molti artisti pubblicano album che sarebbero divenuti seminali mentre altri iniziano il loro percorso per porre le basi di quello che passerà alla storia come un intero decennio, gli anni Novanta, musicalmente guidato dalle chitarre elettriche e in generale da una spiccata sensibilità rock.

Mentre il metal è al suo punto più alto di diffusione, la parola chiave diventa “contaminazione”: funky e house meticciano il rock sia in Inghilterra che negli Stati Uniti, e nascono e si consolidano veri e propri movimenti che avrebbero lasciato il segno, tra cui il trip hop a Bristol e il grunge a Seattle, oltre a infiniti rivoli di altri generi in fieri.

Soprattutto accade un fatto straordinario: anche a seguito della crisi economica delle etichette indipendenti, diverse band alternative firmano contratti con le major e, per questa via, il mercato discografico che conta diventa terra di conquista di musica “altra”. Nel momento in cui molti “vecchi” del rock esauriscono la loro ispirazione e spinta innovativa, si affaccia una nuova generazione sconvolta e cambiata dalla Guerra del Golfo e quindi obbligata, per la prima volta, a fare i conti con la propria perdita dell’innocenza in un mondo post-ideologico. Questo libro è la storia di quella rivoluzione in musica.

 

PAOLO BARDELLI Reggiano, classe 1973, scrive di musica su Kalporz (www.kalporz.com) e con questo libro è andato a ritroso a scavare nell’anno della sua maturità. Nel 2019 ha pubblicato, per Arcana, Piccola Guida agli Anni Dieci – 50 fatti, 50 album, 50 canzoni.

1991 il risveglio del rock Paolo Bardelli copertina
You May Also Like