Ian Anderson dei Jethro Tull ha qualche idea che non vi piacerà su Led Zeppelin, Who, Rolling Stones e Jimi Hendrix

Si sta rivelando un periodo impegnativo, l'ultimo per i Jethro Tull e Ian Anderson che, di recente, non le ha mandate a dire su alcuni colleghi che, come lui, hanno fatto la storia. 

Ian Anderson ha firmato alcune delle pagine più importanti della storia del rock attraverso la sua militanza nei Jethro Tull. Il mondo della musica, si sa, può essere spietato e, talvolta, i mostri sacri del rock condividono opinioni non esattamente approvate dall'immaginario collettivo nei confronti di colleghi di caratura altrettanto elevata. Intervistato dal Guardian per promuovere il nuovo album in studio dei Jethro Tull, THE ZEALOT GENE, Ian Anderson ha scagliato alcune pesanti critiche nei confronti di Led Zeppelin, Who, Jimi Hendrix e Rolling Stones, definendoli anonimi e ossessionati dal sesso e dalle dipendenze. 

ian anderson jethro tull

Le parole di Ian Anderson 

Durante il colloquio, Ian Anderson ha esordito ridendo all'idea che i punk rockers avrebbero spazzato via il progressive. "Credo che i punk fossero convinti di poter spazzare via il prog, come un virus - spiega - Sfortunatamente per loro, il prog cambiò forma, adeguandosi ai tempi". Successivamente, l'attenzione si è spostata sui grandi del rock classico, per i quali il cantante di Aqualung non ha avuto pietà. Riportiamo di seguito le sue parole: 

"In tutti questi anni, i Jethro Tull hanno perseverato. Alcune persone potrebbero dire che l'abbiamo fatto troppo, ma è meglio provare e cadere che sedere comodamente sui propri fallimenti. Non mi sarei mai fermato se avessi fatto musica anonima come quella degli Stones o degli Who o, anche come i Ramones e il mondo del punk in generale. Ho amato il blues, ma per me era solo un modo pratico per aprire una porta, perché non è mai stato la mia strada in musica. Le opere che mi hanno maggiormente spronato sono THE PIPER AT THE GATES OF DAWN dei Pink Floyd e SGT. PEPPER'S dei Beatles"

Anderson sugli eccessi dei rocker

Intervistato da Chris Harvey del Telegraph, Anderson ha parlato delle storie di eccessi che hanno marchiato i musicisti rock, dicendo: "Venivo considerato una specie di snob poiché evitavo quei contesti così selvaggi. Molte storie venivano edulcorate. Non ho conosciuto i Led Zeppelin così tanto, ma a prima vista sembravano un gruppo di brave persone che di tanto in tanto si divertiva ad organizzare feste scatenate in compagnia di molte donne"

Il frontman dei Jethro Tull ricorda anche un incontro con Jimi Hendrix nel corridoio di un albergo durante una conferenza stampa: "Accesi una sigaretta e mi guardai intorno - esordisce - Tutto era buio e vidi la luce di un'altra sigaretta. Riconobbi il profilo di Hendrix. Mi disse che non amava la notorietà e che le persone non volessero lasciarlo in pace. Scambiammo qualche parola, accomunati dal fatto che non amassimo i party. Un paio d'anni dopo, però, abbiamo suonato ad alcuni festival insieme e la sua attitudine era completamente cambiata. Credo che fosse ancora una persona tranquilla e modesta nel privato, ma aveva trascorso troppo tempo in un ambiente che non gli apparteneva. Il suo tracollo era inevitabile"

You May Also Like