Ristampati su 33 giri i primi tre album del cantautore emiliano: “All’una e trentacinque circa”, “Modì” e “Camera a sud”

Saranno di nuovo disponibili su vinile, a partire dal 26 ottobre, i primi tre album di Vinicio Capossela. Si tratta di “All’una e trentacinque circa” del 1990, “Modì” del 1991 (che prende il nome dalla canzone omonima dedicata al pittore Amedeo Modigliani) e “Camera a sud” del 1994, rimasterizzati per l’occasione dai master originali e stampati su vinile 180 grammi.
Nato in Germania nel 1965 da genitori irpini, Vinicio Capossela si è trasferito da bambino in provincia di Reggio Emilia. È cresciuto dal punto di vista artistico suonando nei locali emiliani ed ha debuttato discograficamente grazie a Renzo Fantini, manager fra gli altri di Paolo Conte e Francesco Guccini (è proprio quest’ultimo a presentargli il giovane cantautore). L’album d’esordio vince la Targa Tenco nella sezione opere prime e si avvale, come il secondo e terzo, degli arrangiamenti di Antonio Marangolo.

Commenta Via Facebook