Thegiornalisti in guerra: chi ha ragione?

La Corea del Nord ha fermato tutto questo: i Thegiornalisti si sono sciolti… ed è scontro social tra i membri della band

Pochi giorni fa, il 7 settembre per precisione, si è tenuto l’attesissimo mega concerto al Circo Massimo. Ma proprio ieri sera, il frontman della band, Tommaso Paradiso, spiazza i fan (e non) con un annuncio del tutto inaspettato attraverso delle stories su Instagram: la fine dei Thegiornalisti. Avvisando tutti i fan che tra pochi giorni uscirà un nuovo singolo, precisa che si tratterà di un brano di Tommaso Paradiso e non dei Thegiornalisti, specificando che tutte le canzoni uscite in questi anni con la band sono state scritte e composte da lui. Le sue parole:

Tra qualche giorno uscirà una nuova canzone. Non uscirà come Thegiornalisti ma uscirà come Tommaso Paradiso. D’ora in poi tutto ciò che scriverò e canterò non sarà più Thegiornalisti ma sarà Tommaso Paradiso. È giusto che sia così. È stata una fantastica avventura che ci ha portato fino al Circo Massimo. Ma sapete meglio di me o come me che le storie nella maggior parte dei casi non sono eterne. È inutile che vi stia a raccontare le dinamiche per le quali si è arrivati a questa conclusione.

E continua, con un lungo sfogo:

I problemi ce li teniamo per noi. A voi deve rimanere tutto l’amore che in questi anni abbiamo condiviso insieme. Ovviamente ci saranno polemiche, sarò pronto a leggere e a sentire qualsiasi cosa. Si faranno congetture e si diranno inesattezze, è inevitabile. Ma d’altronde chiunque ha il diritto di esprimere la propria opinione anche se non conosce la materia trattata.

Fino a qui, i toni rimangono pacati, pur facendo capire che ci sono stati scontri interni. Ma dal prossimo post in poi, Tommaso Paradiso inizia a lanciare qualche frecciatina ai suoi compagni (che, anticipiamo, non la prenderanno benissimo):

Ho scritto e cantato ogni singola nota e ogni singola parola di tutto ciò che fino a oggi avete ascoltato. Continuerò a farlo, continuerò a farlo come Tommaso Paradiso. Sono stati, questi ultimi, mesi molto difficile; sono stato in silenzio; volevo che il Circo Massimo fosse una grande festa e non un funerale. Ripeto, credo che non sia nobile spiegarvi il come e il perché di tutto questo. Se un giorno sarò dagli eventi costretto a darvi spiegazioni lo farò. Per ora, vi basti solo sapere che sono stato male.
E per vivere bisogna stare bene, trovarsi in armonia, altrimenti un sogno può diventare un incubo. Non sono in grado di vivere in un clima di tensione, né a casa, né a lavoro, né in macchina, né in qualsiasi parte del pianeta. La musica è liberazione; la musica mi ha sempre portato lontano dai guai; la musica è la mia protezione. E anche questa volta mi ha spinto altrove. Da questa mia esperienza invito tutti a conoscere e a comprendere i propri limiti, cosa siamo, dove possiamo arrivare e cosa possiamo fare e dare.

Il cantante prova a restare sopra le parti e non far trapelare nulla, alterna velati attacchi a segni di pace, per poi dare il colpo finale con l’ultimo post:

Un’ultima cosa: ho scritto tutto, testi e musica, di ogni singola canzone da Io Non Esisto a Maradona Y Pelé. Continuerò a cantarle dal vivo, a farvele ascoltare e a farvele gridare. NON AVERE PAURA.

Sono state proprio queste ultime parole a far storcere il naso al chitarrista della band, Marco Antonio Musella, che non ci sta e risponde a Tommaso Paradiso con le sue stesse armi: delle stories su Instagram. Al contrario del cantante, Marco non le manda a dire e risulta molto più diretto (e arrabbiato). Ecco le sue parole:

Avrei voluto passare una serata tranquilla ma mi trovo costretto a rispondere che la decisione di un componente non può vincolare gli altri due. I The giornalisti continueranno! Chi decide autonomamente di andar via può andare a cercare di guadagnare più soldi da solo. Poi se ognuno può scrivere quello che vuole sui social, io dichiaro di aver scritto tutte le canzoni dei Rolling Stones.

Possiamo affermare che lo scioglimento dei Thegiornalisti non sta avvenendo proprio nel migliore dei modi… Se poi si decide di togliere agli utenti la possibilità di commentare i post Instagram della pagina Thegiornalisti e si cambiano le password degli account social per non permettere ad alcuni membri della band di commentare, si può annunciare l’inizio di una guerra e ci si chiede cosa (e chi) ci sia sotto. Queste l’ultimo post del chitarrista:

In molti segnalate che non riuscite a commentare la pagina Instagram dei Thegiornalisti. Non è nostra intenzione togliervi il diritto di parola e di opinione. Purtroppo, come nella story precedente, sono costretto a scrivere dal mio profilo privato che ci hanno tolto le password e né io né Marco possiamo entrare e sbloccare i commenti. Mi dispiace ragazzi.

Chissà per quanto continuerà ancora questo spiacevole scontro social. Nel frattempo, attendiamo di capire quali siano le motivazioni di tanto astio e speriamo con tutto il cuore che si calmino le acque…

Commenta Via Facebook

You May Also Like