20 brani che hanno fatto la storia del prog

Yes, documentario, Carl Palmer, Arthur Brown, John Lodge, Steve Howe, Alan White, Geoff Downes, Billy Sherwood, Jon Davison, Trevor Horn, Tony Kaye, Rick Wakeman, Prog, stonemusic.it

Negli anni 60, l’avvento del progressive rock portò grandi novità nella scena musicale. Ecco i 20 brani che hanno fatto la storia di quel periodo.

Alla fine degli anni 60, l’avvento del progressive rock porta delle grandi novità nella scena musicale. I cambiamenti sono numerosi e a vari livelli: tipologia di strumentazione utilizzata, modalità di composizione dei brani, scelta dei modelli a cui ispirarsi, concezione dei live show. Quello che è certo è che la voglia di sperimentare avvolge come un’onda tutti gli attori coinvolti, a prescindere dal loro ruolo.

Ecco i 20 brani che hanno fatto la storia di quel periodo.

1. Watcher Of The Skies (FOXTROT, Genesis - 1972)

Uno dei fondamenti del brano è il pattern ritmico di Collins. L’impressione è che si sia ispirato a uno degli esercizi del metodo per batteria jazz Advanced technique for the modern drummer di Jim Chapin... chissà...

2. Get’Em Out By Friday (FOXTROT, Genesis - 1972)

Suono e costruzione ritmica varia e antesignana, dalle innovative scelte funk sia nello stile che nel suono.

3. Eleventh Earl Of Mar (WIND AND WUTHERING, Genesis - 1976)

Una batteria potente con i fusti che risuonano in modo molto pieno. Si avverte chiaramente l’influenza di John Bonham.

4. Duke’s Travels, Duke’s End (DUKE, Genesis - 1980)

Il momento della maturazione è arrivato, qui è possibile apprezzare Collins in tutto il suo splendore.

5. The Cinema Show (SECONDS OUT, Genesis - 1977)

Stupendo esempio di fusione artistica tra quelli che forse sono i due più grandi maestri del prog drumming: Collins e Bruford. Perfettamente bilanciati nello stile, diverso ma compatibilissimo!

6. Hearth Of The Sunrise (FRAGILE, Yes - 1971)

Una delle pagine più belle del prog-drumming, geniale in tutto. Da notare i paradiddle e i linear pattern nell’accompagnamento di Bruford.

7. Five Per Cent For Nothing (FRAGILE, Yes - 1971)

Uno dei primi esempi di linear pattern e illusioni ritmiche, che da quel momento in poi avrebbero fatto scuola nel progressive rock.

8. Red (RED, King Crimson - 1974)

Un brano che potrebbe essere stato scritto per la batteria rock attuale, ma con il caratteristico suono del rullante brufordiano.

9. One More Red Nightmare (RED, King Crimson - 1974)

I numerosi obbligati di phrasing, durante i riff centrali, ci danno l’esatta idea di cosa fosse per Bruford il fraseggio melodico ritmico.

10. B’Boom (THRAK, King Crimson - 1995) 

Brano costruito su un drum solo tematico della coppia Bruford-Mastelotto. Stupende anche le variazioni live durante il tour di THRAK.

11. In The Dead Of Night (UK, Uk - 1978)

A tratti sembra di trovarsi in un periferico ambito crimsoniano. Interessantissimo l’utilizzo da parte di Bruford dei rototom al posto dei “normali” tom... è un’altra sua innovazione.

12. Xanadu (A FAREWELL TO KINGS, Rush - 1977)

Bellissimo l’utilizzo che Peart fa del set “allargato”, aggiungendo campane tubulari e glockenspiel al classico monster drum set, tutto inserito con perizia melodica e di arrangiamento.

13. The Barbarian (EMERSON LAKE & PALMER, EL&P - 1970)

Uno degli esempi più illuminanti del drumming anni 70 di Palmer: aggressività, tensione, fraseggio a tratti jazzistico basato su passaggi rapidi, dove il rullante è al centro di tutto. 

14. Changes (90125, Yes - 1983)

Stupenda l’intro, basata su una ipnotica cellula ritmica dove White inserisce accompagnamento e fill incisivi. Il suo stile inizia a definirsi come uno dei meno “datati” degli anni 80.

15. Does It Really Happen? (DRAMA, Yes - 1980)

L’intro del basso di Squire e i fill, che introducono i vigorosi cambi armonici sui crash, sono da manuale. Stupendo e quasi “dance 70” l’accompagnamento nella strofa. Geniale!

16. Goodbye To All That (BRAVE, Marillion - 1994)

Forse è l’ultimo acuto tipicamente prog dei Marillion, per questo anche di Ian Mosley. Una delle pagine più belle del prog inglese di quel decennio. Per chi sa ascoltarlo, lo stile di Mosley è sempre al servizio del brano e al tempo stesso personale: due caratteristiche importantissime.

17. Halo (DEADWING, Porcupine Tree - 2005)

Il drumming di Harrison inizia a essere uno dei più apprezzati degli anni 2000 e qui si capisce il perché: tecnica, suono, accompagnamento, fraseggio personale ed equilibrio... serve altro?

18. Fear Of A Blank Planet (FEAR OF A BLANK PLANET, Porcupine Tree - 2007)

Forse il momento più alto di Gavin con i Porcupine: fill ipertecnici ma sempre musicali e originali.

19. Schism (LATERALUS, Tool - 2001)

Anche in questo brano tutto parte dalla linea ritmica del basso e della batteria. Carey rende fluido e musicale ciò che in teoria può essere spigoloso.

20. 6:00 (AWAKE, Dream Theater - 1994)

Tutto Portnoy in un brano. Metal drumming, progressive sinfonico e sano protagonismo da consegnare all’antologia batteristica.

Commenta Via Facebook

You May Also Like