Quella volta in cui Britney Spears partecipò al Festivalbar

Era il giugno 1999 e ...Baby One More Time andava forte in radio. Ecco quando Britney partecipò al Festivalbar.

Bei tempi gli anni 90: i lettori CD portatili spopolavano e venivano riempiti di dischi delle più famose boyband e popstar del tempo.

Ma c'era una nuova la reginetta del pop che stava iniziando a spopolare in tutto il mondo: Britney Spears. Era stata lanciata da poco proprio da ...BABY ONE MORE TIME, il suo album di debutto uscito nel gennaio 1999 la cui title track divenne immediatamente un successo internazionale, raggiungendo i primissimi posti in classifica in diversi paesi. Inoltre, Britneyfu la prima artista nella storia della musica americana a riuscire ad arrivare al primo posto in classifica grazie all'album d'esordio

Andiamo a qualche mese dopo: era il giugno dello stesso anno e stava per andare in onda la trentaseiesima edizione del Festivalbar, il festival estivo che, da anni, stava catalizzando l'attenzione degli spettatori di tutte le età che si radunavano in piazza a guardare le esibizioni, oppure restavano a casa ma sempre in un clima di amichevole condivisione pari, forse, a quello che si ha nell'aria quando gioca la nazionale.  

Le location in cui venne registrato il Festival furono diverse ma ci concentreremo su Prato della Valle, una delle più grandi piazze di Padova. Durante una delle serate del festival, Fiorello e Alessia Marcuzzi, giovanissimi, danno il benvenuto sul palco a "una ragazzina che sta spopolando in America". Una ragazzina, sì: Britney era appena diciottenne e, in effetti, era solo agli esordi ma già una star di portata internazionale. Quella fu la prima volta in cui calcò un palco su suolo italiano. E non fu di certo l'ultima.  

Ecco qui alcuni estratti dall'esibizione e dall'intervista che avvenne proprio poco dopo. Non c'è che dire: balletti, costumi, pettinature, perfino l'atmosfera che si respirava sul palco è in perfetto stile anni 90. Un vero e proprio tuffo nel passato capace di risvegliare innumerevoli ricordi. 

Commenta Via Facebook

You May Also Like