Le esibizioni più memorabili di MTV Unplugged

kurt cobain

Dai Kiss ai Nirvana, ecco alcune delle esibizioni più iconiche di MTV Unplugged, lo storico programma dell'emittente statunitense. 

Giusto qualche mese fa, MTV Unplugged ha compiuto la veneranda età di 30 anni, che non è poco per un programma televisivo. Si tratta di uno show che va in onda sul canale statunitense (abbiamo parlato della storia di MTV in questo articolo) dal novembre del 1989 e il cui format è basato su esibizioni dal vivo di artisti famosi in modalità unplugged, ovvero acustica. Non è raro, inoltre, che da queste esibizioni si ricavino degli album live con risultati eccellenti fra i quali, per esempio, UNPLUGGED (1992) di Eric Clapton che divenne addirittura il disco live più venduto di tutti i tempi. Questo perché, nonostante le esibizioni in versione unplugged non siano spettacolari e ricche di effetti speciali come quelle che gli artisti mettono in scena durante le loro tournée mondiali, la modalità acustica conferisce ai live un qualcosa di molto più intimo, quasi fosse un concerto improvvisato tra amici

Ricordiamo, quindi, alcune delle esibizioni più memorabili della storia di questo programma. 

L'inaspettata reunion dei Kiss nel 1995

Nonostante un ritorno alla formazione originale della band fosse da tempo richiesto a gran voce dai fan, nessuno si aspettava veramente che sul palco di MTV Unplugged Kulick, Singer, Simmons e Stanley fossero raggiunti da Peter Criss e Ace Frehley, rispettivamente primo batterista e primo chitarrista dei Kiss nella loro formazione originale. 

Come se non bastasse, i musicisti si presentarono sul palco senza un filo di trucco, evento più unico che raro visto il makeup di scena che li ha sempre contraddistinti. 

Inutile dire che l'esibizione fu tanto scioccante quanto di successo, tanto che dell'esibizione verrà ricavato l'album live del marzo 1996, KISS UNPLUGGED, disco d'oro negli Stati Uniti. 

I Thirty Seconds to Mars e il loro tributo agli U2 in chiave gospel

Nel 2009, Jared Leto e soci avevano pubblicato il loro terzo album in studio, THIS IS WAR, che sarebbe diventato uno dei più apprezzati della loro discografia poiché contenente alcuni dei brani fondamentali del gruppo. Così, quando nel 2011 vennero contattati dagli autori di MTV Unplugged, furono felici di poter cavalcare nuovamente l'onda del proprio successo, ma non si limitarono a portare versioni acustiche di loro brani. I membri della rock band scelsero, infatti, di omaggiare alcune grandi band della storia del rock con alcune cover nelle quali la voce cristallina di Leto veniva accompagnata da un coro gospel. Ecco la loro versione di Where the Streets Have No Name degli U2.

La versione intimista dei Korn

Chi conosce il gruppo nu metal sa che ascoltare loro esibizioni acustiche è un evento piuttosto raro. Nel 2006, però, i Korn smentirono quello stereotipo che prevedeva per loro esclusivamente esibizioni adrenaliniche e all'insegna dei decibel: sul palco di MTV Unplugged, la band diede vita a un'esibizione molto più intima del solito che colpì positivamente i fan. Eccoli nella versione acustica della loro Freak On a Leash, nella quale vennero aiutati anche dalla collega Amy Lee, frontwoman degli Evanescence. 

Rod Stewart e il suo disco live da 3 milioni di copie vendute (solo negli USA!)

Nel 1993 il cantautore britannico si esibì live per MTV Unplugged portando alcune sue hit in versione acustica, come Maggie May e aggiungendo anche alcune cover di artisti del calibro di Van Morrison e Cat Stevens. Dall'esibizione venne ricavato un album live pubblicato nel 1993, UNPLUGGED...AND SEATED, che riscosse un grandissimo successo rimanendo per diverse settimane il CD più venduto negli States.

La performance "spirituale" dei Florence and the Machine

La voce delicata e allo stesso tempo potente della frontwoman si presta particolarmente bene alle interpretazioni acustiche che, in questo caso, sono portate a un livello superiore dall'ambientazione all'interno di una delle più antiche sinagoghe di New York. La performace del 2011 fu registrata con l'aiuto di un coro gospel che accompagnò la band durante l'esibizione.

Paul McCartney e il suo amore per la musica acustica

Si dice che Sir Paul McCartney fu molto contento di potersi esibire live senza l'aiuto di amplificatori. Così, nel 1991, McCartney si esibì in 17 pezzi fra cui molti classici dei Beatles come Blackbird, And I Love Her e We Can Work It Out e alcune cover fra cui l'esecuzione magistrale di Ain't No Sunshine di Bill Withers

I Nirvana e il loro primo album "postumo"

Parliamo decisamente di un'esibizione fra le più iconiche mai presentate nel programma: quella dei Nirvana del 1993. Nonostante la band propose alcune delle proprie hit, il punto focale dell'esibizione furono le cover, da David Bowie al bluesman Lead Belly, che divennero dei veri e propri cult del genere. Dall'esibizione, si ricavò anche il primo album "postumo" dei Nirvana (pubblicato pochi mesi dopo la scomparsa di Kurt Cobain), MTV UNPLUGGED IN NEW YORK che vinse un Grammy nel 1996 come miglior album di musica alternativa.

Commenta Via Facebook

You May Also Like