Chi ha inventato il death metal?

death metal

Cerchiamo una risposta alla domanda che per decenni ha fatto discutere gli appassionati del genere: chi ha inventato il death metal?

La questione è controversa, ma proviamo ad affrontarla ripercorrendo alcuni dei gruppi che hanno segnato gli esordi del genere

Siamo verso la metà degli anni 80 negli Stati Uniti quando, prendendo spunto soprattutto dal trash metal dell'epoca, si iniziò a sviluppare un nuovo sottogenere dell'heavy metal con chitarre ancora più distorte e l'utilizzo ancora più estensivo di growling e tecniche di drumming sempre più potenti. 

Ma quali sono stati gli iniziatori di questo nuovo genere?

I Venom

Molti ritengono WELCOME TO HELL, capolavoro dei Venom del 1981, il vero disco precursore del death metal (e del black metal, altro sottogenere dell'heavy). Si tratta di un album decisamente grezzo, nell'accezione positiva che il termine può avere in questo caso, per via del suo sound definito da Geoff Barton, giornalista specializzato in heavy metal, come:

Bruttezza epica, rumore anarchico, casino terrificante [...]. Probabilmente il disco più heavy che sia mai stato autorizzato per la vendita e per il consumo da parte del pubblico. 

Gli Slayer

Vengono ritenuti da molti i diretti precursori del death metal. La prima metà degli anni 80 fu un momento di espansione per il trash metal che stava diventando, progressivamente, sempre più estremo. HAUNTING THE CHAPEL (1984), per esempio, può vantare un sound molto aggressivo, molto più di quello proposto da altre band trash del periodo. Inoltre, sebbene ancora catalogabile come trash metal, REIGN IN BLOOD (1986) degli Slayer viene spesso considerato un'influenza fondamentale da moltissimi artisti che faranno death metal per l'intensità e la velocità dei brani in esso contenuti. Eccone la famosissima decima e ultima traccia: 

I Napalm Death

Sebbene ritenuti principalmente gli inventori del grindcore – piuttosto simile al death metal ma con sonorità più vicine all'hardcore punk – i Napalm Death sono famosi anche come precursori del death metal in quanto il loro batterista Mick Harris (dal 1985 al 1991) contribuì a rendere popolare il cosiddetto blast beat, una tecnica di drumming che prevedeva letteralmente una raffica di colpi, poi divenuta una delle caratteristiche tecniche principali del death metal.

I Kreator

In questo caso ci spostiamo in Germania con i Kreator, ritenuti tra gli ispiratori della corrente death metal per il loro PLEASURE TO KILL del 1986, secondo album in studio della band che ne consolidò la presenza sulla scena trash metal europea e che sarà la fonte di ispirazione per molti artisti death metal

I Dark Angel

In particolare il loro DARKNESS DESCENDS, del 1986, viene spesso considerato come un disco che pose nuovi standard all'interno dell'ambiente legato al trash metal per via della sua "brutalità". Eccone la title track:

I Death

Pare che l'origine del termine derivi dalla descrizione che un giornalista floridiano diede di questo nuovo stile che ricollegò immediatamente ai Death, il cui album di esordio, SCREAM BLOODY GORE, del 1987 viene spesso citato come vero primo album categorizzabile sotto il genere death metal

Esiste un'altra ipotesi sull'origine del nome del genere, che viene ricollegata ai Death: alcuni lo fanno risalire a una demo registrata proprio dalla band quando ancora si chiamavano Mantas, nel 1983 con il titolo di Death by Metal

I Possessed

Altri considerano i Possessed come veri iniziatori del genere dato che, per primi, inserirono in un loro album una traccia dal nome Death Metal. L'album in questione è SEVEN CHURCHES del 1985 ma il pezzo esisteva già sotto forma di demo registrata dalla band addirittura l'anno prima, quando il genere era ancora solo pura sperimentazione.

Ma cosa ha fatto sì che dal trash metal i Possessed passassero alla sperimentazione di un genere tutto nuovo per l'epoca? Che cosa differenzia SEVEN CHURCHES dal sopracitato PLEASURE TO KILL, per esempio? Mentre prima dell'avvento del death metal il trash metal era considerata la parte più oscura dell'heavy metal, con la pubblicazione di SEVEN CHURCHES si arrivò sicuramente a un punto di rottura. Fu un disco che stabilì nuovi orizzonti entro i quali l'heavy metal avrebbe potuto spingersi. 

I Morbid Angel

Come Mick Harris dei Napalm Death contribuì a dare quel segno distintivo alla propria band grazie alle sue tecniche di drumming, così fece anche Pete Sandoval, batterista dei Morbid Angel, autore dei velocissimi groove che si possono apprezzare in ALTARS OF MADNESS (1989), primo album in studio della band. Eccoli in un famosissimo filmato che li ritrae nell'esecuzione di Chapel of Ghouls, tratta dall'album sopracitato.

Quindi, chi inventò realmente il death metal? Probabilmente non esiste una risposta univoca a questa domanda. Fu uno sforzo comunitario che portò, tramite sperimentazioni di vario genere, alla nascita di un nuovo genere che raggiunse il suo picco negli anni 90 quando iniziò a ramificarsi in ulteriori sottogeneri fiorenti ancora oggi sulla scena underground. 

Commenta Via Facebook

You May Also Like