Keith Richards sullo scetticismo no vax di Eric Clapton

Keith Richards

Le propensioni scettiche di Eric Clapton nei confronti del vaccino anti COVID hanno dato molto da parlare negli ultimi mesi. Di recente, Keith Richards si è espresso riguardo il punto di vista del collega.

Intervistato di recente in occasione di un nuovo episodio del podcast Rolling Stone's Music Now, il leggendario chitarrista ha parlato della visione no-vax di Eric Clapton, affermando: "Adoro Eric profondamente. Lo conosco praticamente da sempre e abbiamo avuto alti e bassi. Questa cosa del COVID divide le persone e certe volte le pone in posizioni scomode". Slowhand, dal canto suo si è professato sin dall'inizio dell'emergenza pandemica un fervente anti-vax, criticando le misure di sicurezza del Regno Unito e arrivando a scrivere un brano al riguardo insieme a Van Morrison. Non solo, Clapton ha anche collaborato con l'italiano Robin Monotti per il suo singolo solista Heart Of A Child, rilasciato in dicembre che, allo stesso modo, si schiera contro la campagna vaccinale. 

La vicenda Clapton nel dettaglio 

In ogni caso, Mano Lenta ha più volte provato a chiarire la sua posizione, interpretandola su più piani, affermando di non essere contro i vaccini, ma di vedersi ostracizzato dagli amici, dalla famiglia e dai colleghi a causa delle sue idee controverse in merito all'argomento. Clapton decise, tempo addietro, scelse di non esibirsi sui palchi che richiedessero certificati vaccinali all'ingresso durante il suo tour autunnale del 2021.

Esprimendo la propria opinione riguardo la pandemia, Richards ha spiegato: "Io voglio semplicemente liberarmi da tutto questo e vedo che l'unico modo per farlo è affidarsi ai medici. Non capisco perché le persone si preoccupino tanto. Non c'è mai stata tanta paura dietro il raffreddore o malattie del genere. Ed è anche peggio. Non sono un dottore, ma il vaccino funziona in diversi modi sulle persone e ognuno di noi deve stringersi all'altro. Dobbiamo solo essere comprensivi"

Le dichiarazioni del chitarrista dei Rolling Stones non si sono limitate alla questione COVID. Richards ha anche parlato di Paul McCartney e della sua critica agli Stones nella quale ha affermato che il gruppo non fosse che una "cover band blues". La cosa, ha riportato a galla la rivalità bonaria storica tra la band di Richards e i Beatles. Al riguardo, Keith dice: "Io e Paul ci conosciamo davvero bene. Quando ho letto l'articolo ho subito pensato che le sue dichiarazioni fossero state pesantemente filtrate. Il giorno dopo, infatti, mi mandò un messaggio nel quale scriveva che, tutto ciò che avessi letto, fosse stato completamente spogliato del contesto"

You May Also Like