Gli album di Phil Collins e Peter Gabriel dal peggiore al migliore

Peter Gabriel, Genesis, vacanze, Stonemusic

Uno ha guidato i Genesis nel loro periodo più sperimentale, l'altro li ha portati in vetta alle classifiche mainstream. Le stesse storie, sono riflesse nelle carriere di Phil Collins e Peter Gabriel.

Peter Gabriel, dal canto suo, ha sempre osato maggiormente, mentre Phil Collins creò un sound specifico per la band, che replicò in tutte le hit di maggior successo della band. In ogni caso, entrambi hanno goduto di una fortunata carriera solista che esploreremo in questa classifica, elencando i loro album dal peggiore al migliore. 

Phil Collins - GOING BACK 

Questo disco del 2010 rappresenta, per molti addetti ai lavori, un nostalgico esercizio di stile, un ritorno a delle radici sonore sorpassate per quanto adorate dai fan.

Peter Gabriel - SCRATCH MY BACK 

Dello stesso anno, un album che, a suo modo, si appoggia sui medesimi concetti, pur presentando alcune scelte più intriganti. 

Phil Collins - TESTIFY 

Del 2002, un ritorno alle drum machine, privo della magia dei lavori precedenti dell'artista. Un'inefficace ripresentazione della musica elettronica, fuori contesto a causa del panorama di riferimento e della crescita musicale di Collins stesso. Un lavoro, all'ascolto, completamente scomposto

Phil Collins - DANCE INTO THE LIGHT 

Un album del 1996 in cui Collins introdusse alcune contaminazioni dalla world music, stessa formula che spinse la carriera del collega in passato. 

PETER GABRIEL I ["Car"]

Il primo album da solista di Gabriel, del 1977. Un lavoro forte, ma estremamente sperimentale, ancorato ai pregressi dell'artista nei Genesis. 

UP - Peter Gabriel 

Un disco melancolico, che tratta tematiche delicate con una lineup di eccezione alle spalle. Un disco incredibilmente dettagliato. 

BOTH SIDES - Phil Collins

Un lavoro molto personale, questo del 1993 che Phil Collins incise suonando tutti gli strumenti. Le vendite non furono soddisfacenti all'inizio, per essere rivalutato in un secondo momento. 

PETER GABRIEL II ["Scratch"]

Il secondo album di Peter Gabriel ebbe la presenza di Robert Fripp dei King Crimson ad impreziosirlo. Un disco poco accessibile per il pubblico di massa, ma sicuramente ben riuscito. 

HELLO, I MUST BE GOING - Phil Collins 

Un disco variegatissimo, emotivo nei testi, ricercato nel sound. Un lavoro decisamente ricco. 

NO JACKET REQUIRED - Phil Collins 

Un album monolitico, una vera e propria capsula temporale di un periodo storico-musicale andato. Uscito nel 1985, con un'ampia dose di sperimentazione alle spalle. 

SECURITY - Peter Gabriel 

Il quarto album di Peter Gabriel, oscuro e dominato dai sintetizzatori, si presenta subdolo, eppure variegato nelle contaminazioni.

US - Peter Gabriel 

Un album dall'apporto emotivo travolgente, qualcosa che Gabriel non aveva mai fatto prima, soprattutto dal punto di vista lirico. Le melodie sono dinamiche, eclettiche, mentre i testi diretti. Un contrasto, questo, che contribuì ampiamente al successo dell'opera. 

BUT SERIOUSLY - Phil Collins 

Collins replicò la formula del successo di NO JACKET REQUIRED, pur liberando il disco dalla drum machine, in funzione di ritmi tendenti al jazz. Un lavoro profondo e decisamente maturo

PETER GABRIEL III ["Melt"]

Un lavoro ispiratissimo, prodotto da Robert Fripp che presentò una visione musicale istrionica, in grado di definire un'intera epoca del panorama di riferimento. 

FACE VALUE - Phil Collins 

Un disco estremamente versatile che le radio premiarono trasmettendo i singoli in loop. Funse da spartiacque tra il passato nei Genesis e la sua ascesa come artista solista, un album determinante. 

SO - Peter Gabriel 

A metà anni '80, Peter Gabriel iniziò a collaborare coi produttori degli U2 Brian Eno e Daniel Lanois. Fu un sodalizio fruttuoso che permise all'artista di bilanciare la sua vena sperimentale con le preferenze del pubblico. SO presentò agli appassionati diverse hit, di cui le più evocative sono sicuramente Sledgehammer e Big Time

You May Also Like