Superdisco: dove il vinile è il vero Re. 

Montecatini Terme. Un tuffo nel passato del primo Novecento, fra palazzi Liberty e giardini maestosi. Ma Montecatini è anche altro, non ci sono solo turisti o persone attratte dalle cure termali. Ce lo testimonia Paolo del Monte, titolare del Superdisco: qui, il vinile è il vero Re. 

Intervista a Paolo del Monte, titolare del Superdisco

Da quanto tempo hai tuo negozio?
Il negozio esiste dal 1978,io l’ho in gestione dal 2004. 

Sei sempre stato appassionato di vinili?
Si da sempre,mio padre aveva un ingrosso di dischi per cui ci sono nato tra i dischi. 

Hai notato una buona ripresa del mercato del vinile?
Ho notato una ripresa qualche anno fa, Adesso sinceramente mi sembra che si sia un po’ fermato. 

Hai dei pezzi rari?
No,non ho pezzi rari in vendita. Ho delle cose mie personali ma non sono in vendita. 

Qual è il disco più prestigioso che hai avuto fra le mani?
Nessun disco prestigioso. 

Com’è la tua clientela? Da te entrano anche turisti?
La clientela è piuttosto omogenea, essendo Montecatini una città prettamente turistica entrano appunto turisti, i soliti clienti che vengono da sempre e sono appassionati di musica ma anche ragazzini che seguono le nuove tendenze. 

Raccontaci in poche righe la tua storia.
Nato e cresciuto a pane a musica avendo mio padre un ingrosso di dischi è stato per me naturale fare di una passione un lavoro 

Vinile: quale futuro?
È difficile dire quale possa essere il futuro del vinile, viviamo in un era in cui tutto cambia molto velocemente, il mio può solo essere un augurio al vinile: che duri per sempre! 

Sei d’accordo con i puristi della musica, come Neil Young, che si oppongono alla musica liquida?
Il discorso della misica liquida sarebbe troppo lungo. In linea generale direi di si, sono d’accordo con Neil Young ma gli artisti come lui avrebbero dovuto fare qualcosa quando ancora erano in tempo… oramai i buoi sono scappati. 

Hai un tuo impianto ideale?
No, non ho un impianto ideale. 

Consigliaci 4 nuovi vinili imperdibili.
4 vinili imperdibili: Marvin Gaye, what’s going on; Beatles, revolver; Led Zeppelin, Led zeppelin; Zappa, hot ratz 

Commenta Via Facebook