“Hey Joe”: come sfondò Jimi Hendrix?

jimi hendrix

È l’estate del 1966: Jimi Hendrix si sta esibendo al "Café Wha?" a New York City, con i Jimmy James and the Blue Flames. Hendrix non può immaginarlo, ma la svolta è dietro l'angolo.

Fu una coincidenza di eventi a far sì che Jimi e il bassista Chas Chandler si trovassero nello stesso locale quella sera. Hendrix aveva alle spalle qualche anno di tentativi mal riusciti di sfondare, Chandler era in città per il suo tour negli Stati Uniti con Eric Burdon & Co, ed era stato trascinato al Café Wha da Linda Keith, che proprio la sera prima aveva suonato per lui Hey Joe.

Si trattava di un brano controverso e folk, composto da Billy Roberts nei primi anni ’60. Si svolgeva come un dialogo tra due uomini: uno dei due, Joe, spiegava all’altro di aver colto la moglie nell’atto di tradirlo, e di aver deciso di ucciderla. Quando parlano di nuovo, Joe confessa di aver compiuto il delitto, e di essere in fuga verso il Messico. Billy Roberts non la pubblicò mai, ma negli anni successivi diversi artisti (Leaves, Love, The Byrds, Tim Rose…) interpretarono il brano. Tra loro, anche Jimi Hendrix.

La sua versione fu ispirata dal cantante folk Tim Rose, che l’aveva suonata con un arrangiamento lento, rilasciandola come singolo (inserito poi nel suo album di debutto l’anno successivo, il 1967). Hendrix presentò Hey Joe alla sua band Jimmy James and the Blue Flames e con loro la suonò al Café Wha?.

Nella platea, Chas Chandler seppe subito che Hendrix era l’uomo giusto per registrare il brano, affascinato senza dubbio dall’assolo suonato con i denti. Il giorno dopo, Chandler prese accordi per portare Hendrix a Londra, e qui iniziò a lavorare con lui su Hey Joe. L’origine del brano era confusa, tanto che solo più avanti si scoprì che era stato Billy Roberts a detenerne il copyright nel 1962. Fino a quel momento, alcuni artisti ne reclamavano la composizione, e altri credevano che fosse ormai parte del patrimonio folk.

Molti hanno tentato di accaparrarsi il ruolo di ispiratori di Jimi Hendrix, come i rocker britannici Creation, che si esibirono con Hey Joe ad un concerto cui parteciparono sia Hendrix che Chandler. Ma in ogni caso, la versione di Hendrix fu unica. Hendrix fu supportato dalla nuova Jimi Hendrix Experience, con Noel Redding e Mitch Mitchell. Pubblicando Hey Joe con Stone Free, la band divenne improvvisamente celebre, entrando nella Top 10 in Gran Bretagna. Lo stesso successo non fu ottenuto negli Stati Uniti, in cui erano ancora i Leaves i più apprezzati nell’interpretazione del brano, seguiti da Cher e Wilson Pickett. Ma Hendrix avrebbe stregato presto anche gli USA con Purple Haze.

Volete saperne di più sul chitarrista più celebre al mondo? Non potete perdervi il nostro speciale da collezione, tutto dedicato a Jimi Hendrix. Lo trovate sul nostro store online e ne restano poche copie!

You May Also Like