Dai Queen agli Smiths: le 5 band che Robert Smith odia da morire

the cure
Robert Smith from the Cure. From the German Wikipedia.Public Domain

Il fascino spregiudicato dei Cure e del loro frontman, Robert Smith, si è sempre caratterizzato per l'anticonformismo e il desiderio di sovvertire le tendenze. Questo ha spinto, molto spesso, il cantante ad avere opinioni controverse.

Nel corso degli anni, Robert Smith ha espresso diverse idee decisamente poco popolari. Il frontman dei Cure ha scagliato, a più riprese, parole al vetriolo contro gruppi iconici come i Queen e i Def Leppard. Smith non è mai stato un provocatore, ciò nonostante, non ha mai avuto peli sulla lingua. In questa classifica, abbiamo deciso di elencare alcune tra le band e gli artisti riguardo i quali, nel corso degli anni, egli ha espresso disappunto.

Queen

Esplorando i tratti più oscuri della sua identità artistica coi Cure, Smith ha trovato in artisti come Nick Drake una fonte d'ispirazione molto significativa. La verve pop dei Queen, invece, non gli ha mai fatto piacere l'iconica band che, invece, è stata da lui criticata diverse volte.

The Darkness

Odiando i Queen, Smith non avrebbe potuto apprezzare gruppi moderni che, dal lascito di Freddie Mercury, hanno attinto per creare il loro sound. I Darkness ne sono un vivido esempio. Non a caso, il frontman affermò che, rivedere il medesimo stile sui palchi e in studio avesse suscitato in lui profonda delusione.

Morrissey

Smith ha ritrattato di recente sull'astio che aveva, in passato, affermato di provare nei confronti di Morrissey, accusando le persone di aver bisogno di creare hype in maniera ingiustificata. Comunque sia, le sue ultime dichiarazioni contrastano molto con quelle passate.

Def Leppard

Pur nutrendo un amore incondizionato nei confronti di pionieri del genere come David Bowie, Robert Smith non ha mai fatto segreto della sua idiosincrasia nei confronti dell'aspetto glam dei Def Leppard.

Duran Duran

I Duran Duran non hanno mai trovato scuse o romanzato i motivi che li spinsero verso la musica, affermando di essere sempre stati spinti dalla fama. Smith, dal canto suo, ha sempre dato all'arte un'importanza maggiore, schierandosi a spada tratta contro l'ideologia della band in oggetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like