17 maggio 2017: addio a Chris Cornell

Chris Cornell, 17 maggio, oggi nel Rock, morte, Audioslave, Soundgarden, Classic Rock, Stone Music

Due anni fa ci lasciava il leader dei Soundgarden

Il 17 maggio 2017, dopo aver suonato con i Soundgarden a Detroit, ci lasciava Chris Cornell all’età di 52 anni; era nato a Seattle il 20 luglio del 1964 ed era diventato famoso come leader e cantante dei Soundgarden, uno dei gruppi più interessanti della scena grunge insieme ai Pearl Jam e ai Nirvana; sciolta la band aveva proseguito la carriera dal 2001 al 2007 con gli Audioslave, il supergruppo formato con i membri dei Rage Against The Machine.

Lottò tutta la vita contro la depressione

Cornell pubblicò anche quattro album in solo: Euphoria Morning (1999), Carry On (2007), Scream (2009), Higher Truth (2015) e il live Songbook (2011), ed era noto per la voce potente e con una estensione di quattro ottave.

Nominato a 14 Grammy Award ha vinti tre, e ha venduto oltre 30 milioni di dischi; nonostante il successo e i riconoscimenti il cantante combattè tutta la vita contro la depressione, e venne ritrovato impiccato nella sua camera di hotel di Detroit dopo il concerto del 17 maggio 2017.

“In my eyes, indisposed
In disguises no one knows
Hides the face, lies the snake
The sun in my disgrace
Boiling heat, summer stench
‘Neath the black the sky looks dead
Call my name through the cream
And I’ll hear you scream again

Black hole sun
Won’t you come
And wash away the rain
Black hole sun
Won’t you come
Won’t you come”

 

Commenta Via Facebook

You May Also Like