Jimi Hendrix: la vera origine di “Hey Joe”

Jimi Hendrix, vinile, De Agostini, Classic Rock, Prog, Guido Bellachioma, Vinile, Stone Music

Hey Joe di Jimi Hendrix è una cover che, dietro di sé, nasconde una storia d'amore finita, come quella di cui parla il testo.

Qualsiasi fan di Jimi Hendrix la conosce, ma anche tutti gli appassionati di musica. Hey Joe è uno dei pezzi senza tempo, entrato nell'Olimpo del rock grazie all'eterno chitarrista.

Non tutti sanno, però, che Hey Joe è, in realtà, una cover che porta la firma di Billy Roberts, registrata alla metà degli anni Sessanta. Le due versioni sono simili, anche se c'è da considerare che l'originale è una versione interamente acustica.

Ed è a questo punto che si inserisce un colpo di scena. Prima di registrare il pezzo, Roberts aveva vissuto una storia d'amore con tale Niela Miller, anche lei musicista. Uno dei pezzi della donna, Baby Please Don't Go to Town, ricorda in modo impressionante la Hey Joe di Roberts che - a questo punto è certo - ha di sicuro fatto suo il brano scritto dalla ex.

All'epoca, Roberts risiedeva al Greenwich Village di New York e in tanti si appropriarono della sua Hey Joe, fino a che, nel 1966, fu incisa da Tim Rose. Se ne innamorò anche Jimi Hendrix, che la fece sua. O nostra.

Il testo del pezzo si ricollega a un filone molto comune nel blues, che è quello del tradimento femminile da cui deriverebbero pesanti (e ingiustificabili) conseguenze.

Per scoprire altre cover diventate negli anni più famose delle originali, clicca qui.

You May Also Like