Deep Purple: “The Mule” e l’assolo di batteria di Ian Paice

deep purple

Quando, durante i concerti dei Deep Purple, veniva suonata The Mule, non poteva mancare l'assolo di batteria di Ian Paice. Ecco come nacque il brano: 

Non ci sono dubbi, il batterista Ian Paice è una delle colonne portanti dei Deep Purple (leggi qua come nacque la canzone Highway Star). Ha infatti attraversato le numerose formazioni della band senza mai tirarsi indietro. Paice entrò nel gruppo originale nel 1968 insieme all'amico e vocalist Rod Evans, con il quale aveva già suonato nei The Maze.

Ritchie Blackmore anni dopo avrebbe dichiarato, con immensa gratitudine:

Avevo cercato Ian Paice per circa un anno dopo averlo visto esibirsi ad Amburgo. È un batterista incredibile. Ed è stato il motore della band.

Oggi, Paice è considerato uno dei batteristi che hanno fatto la storia del rock. Tuttavia, il primo strumento che imparò a suonare fu il violino, che abbandonò quando scoprì il suo amore per la batteria. Inoltre, essendo mancino suona "al contrario": con il timpano a sinistra e charleston e rullante a destra. 

Indimenticabile è la sua performance nel singolo The Mule, con il suo assolo di batteria di sei minuti per l'album live MADE IN JAPAN, che poi iniziò a ripetere anche nelle esibizioni successive. 

In realtà, The Mule uscì per la prima volta nel 1971 all'interno dell'album FIREBALL. Il brano contiene riferimenti espliciti a Lucifero, ma si ispira anche a un personaggio di Asimov presente nel suo romanzo Fondazione e impero. Tuttavia, il pezzo raggiunse il successo nella sua versione per l'album live MADE IN JAPAN (1972), una pietra miliare della storia del rock. Il pezzo inciso per l'occasione, infatti, conteneva uno strabiliante assolo di Paice.

Durante la registrazione del brano in studio sorse però un problema: durante il missaggio del disco, la batteria venne per errore cancellata. Lo strumento di Paice era stato già smontato e spedito in Europa, per il tour che sarebbe iniziato subito dopo, così fu necessario noleggiare un'altra batteria e re-incidere la parte che si era andata perduta

Nonostante l'incidente, il pezzo una volta inserito in MADE IN JAPAN fu un successo, e l'album scalò le classifiche degli Stati Uniti. Successivamente, la canzone entrò stabilmente nel repertorio del gruppo ai tempi della formazione Mark II, con Ian Gillan e Roger Glover. Durante le loro performance, The Mule non poteva mancare, e Paice dava sfoggio di tutta la sua abilità. 

Le formazioni successive, Mark III e Mark IV, smisero di suonare The Mule, ma non per questo sparirono anche gli assoli di Paice. Celebre, per esempio, divenne la sua performance in You Fool No One, brano del 1974:

You May Also Like