10 cose da sapere su Christine McVie, la prima donna nei Fleetwood Mac

Fleetwood Mac

Nell'agosto del 1970, Christine McVie entrava nei Fleetwood Mac. Fu la prima donna a unirsi al gruppo, seguita poi dalla vocalist Stevie Nicks. Ecco 10 curiosità che riguardano l'abile tastierista: 

I Fleetwood Mac erano nati quando i musicisti Mick Fleetwood, John McVie e Peter Green avevano lasciato il loro precedente gruppo per unirsi al chitarrista Jeremy Spencer. Non a caso, il nome del gruppo deriva dall'unione dei cognomi di Fleetwood e McVie.

Nel 1970, però, Peter Green lasciò la band, per essere sostituito da altri musicisti. Tra questi c'era proprio lei, Christine Perfect in McVie, moglie di John. La donna ha vissuto una vita intensa, piena di nuove esperienze. Proponiamo 10 curiosità sul suo conto: 

1. Un esordio "classico"

Christine Anne Perfect è nata il 12 luglio 1943 a Greenodd, nella zona di Lake District, in Inghilterra. Il suo primo approccio alla musica non si può definire che "classico": il padre era violinista e insegnante di musica, e a soli 4 anni Christine imparò a suonare il piano. La musica scorreva nel sangue della famiglia da generazioni, basti pensare che suo nonno era organista presso l'abbazia di Westmister. 

Solo quando compì 11 anni, Christine si appassionò davvero allo studio del pianoforte, grazie all'incontro con Philip Fisher, musicista locale e amico del fratello maggiore. 

2. "Volevo solo una mamma normale"

"Volevo solo una mamma normale", queste le parole con cui Christine racconta il suo rapporto con sua madre in un'intervista con Kirsty Young. A cosa si riferisce la celebre tastierista? Sua madre era una medium, si diceva che fosse dotata di poteri paranormali. Spesso si riuniva con alcuni amici e teneva delle sedute spiritiche

Si racconta che, nonostante non sapesse dipingere, una volta, mentre era in trance, avesse ritratto il suo spirito guida. Di tutte queste cose, però, la figlia Christine non ne voleva proprio sapere

3. Arriva il rock n' roll

L'amore per il rock n' roll fu come un colpo di fulmine per la tastierista. Aveva 15 anni e studiava ancora il pianoforte classico. Un giorno, per caso, sul suo piano qualcuno lasciò uno spartito di Fats Domino, cantautore e pianista pioniere del rock n' roll. 

Christine non aveva mai visto nulla del genere prima, così iniziò a leggere e suonare a vista... A partire da quel momento, il rock divenne una parte fondamentale della sua vita. 

4. Quella volta che si intrufolò a un concerto

Andava ancora all'università quando, con una amica, decise di intrufolarsi ad un concerto per vedere i suoi idoli dal vivo: gli Everly Brothers. Così, riuscì ad andare dietro le quinte, restando nascosta in un armadio

In qualche modo siamo riuscite ad andare dietro le quinte e a nasconderci in un armadio. Alla fine abbiamo deciso che non ce l'avremmo fatta, siamo uscite e ci siamo mescolate con un gruppo di persone... e lì c'era Phil Everly... Anni dopo l'ho incontrato, quando ero già Christine McVie dei Fleetwood Mac, e abbiamo fatto un duetto insieme.

5. Da vetrinista ad artista di fama mondiale

Dopo 5 anni di studi presso la scuola d'arte di Birmingham, Christine scoprì non non riuscire a sfondare nel campo dell'arte (le interessava la scultura), soprattutto per mancanza di fondi. Così, divenne vetrinista in un grande magazzino: si occupava di allestire le vetrine dei negozi. Tuttavia, non era soddisfatta. 

Quando le venne proposto di suonare nel gruppo blues dei Chicken Shack non ci pensò due volte. Anche se ancora non sapeva suonare il blues, ascoltò tonnellate e tonnellate di dischi per imparare. "Non sapevo dove stessi andando, ma sapevo che era meglio che fare la vetrinista".

6. L'amicizia con Stevie Nicks

Nel 1975, Mick Fleetwood chiese al musicista Lindsey Buckingham di unirsi alla band. Egli accettò, ma a una sola condizione: che nel gruppo entrasse anche la sua compagna e cantante Stevie Nicks. Tra la vocalist e Christine l'intesa fu immediata: alla loro prima prova nella nuova formazione, la tastierista portò un brano da lei composto, Say You Love Me. Nicks e Buckingham la interpretarono in modo magistrale. Era iniziata una nuova fase per i Fleetwood Mac, come dimostra l'album eponimo FLEETWOOD MAC.

Avevamo tutti la pelle d'oca. È stata un'emozione. Quel primo album che abbiamo fatto, ricordo che fu il periodo più fantastico.

7. L'album dei pettegolezzi

RUMOURS uscì nel 1977, e fu l'undicesimo album in studio della band. Da dove viene il nome del disco? Da una serie di pettegolezzi che all'epoca circondava la band. Si trattò infatti di un periodo duro nella vita privata di tutti i membri dei Fleetwood Mac. Stevie Nicks e Lindsey Buckingham si separarono, Christine Perfect e John McVie stavano divorziando. Inoltre, Mick Fleetwood aveva scoperto la moglie a letto con un suo amico. 

Insomma, non si trattò di un anno facile per il gruppo, che venne quasi perseguitato dalla stampa scandalistica. Nonostante ciò, il risultato fu incredibile: RUMOURS è uno degli album più famosi della band.

8. Quella canzone suonata per tutta la notte

Quando era ragazza, Christine era convinta di non saper scrivere canzoni. Fu il futuro marito John a notare il suo talento, e quando aveva soli 16 anni la ragazza compose il suo primo pezzo. Nel 1977 era passato molto tempo da allora, e la tastierista aveva scritto innumerevoli brani. Uno in particolare le sta particolarmente a cuore: stiamo parlando di Songbird, inserito nell'album RUMOURS. Christine lo compose in una sola notte: 

Per fortuna avevo un pianoforte nella mia stanza ma niente su cui registrarlo, ma dovevo suonare questa canzone. L'intera canzone è uscita fuori completa: accordi, parole, tutto in mezz'ora. Non potevo andare a dormire nel caso l'avessi dimenticata, così ho dovuto suonarla per tutta la notte.

9. Quando si comprò una Rolls Royce

Tutti i pettegolezzi che avevano accompagnato l'uscita di RUMOURS non fecero altro che aumentare il successo dell'album. Così, quando ricevette il compenso delle vendite, Christine decise di fare una follia: si comprò una Rolls Royce. Così, semplicemente perchè "poteva farlo". 

La prima mezz'ora è stata terrificante, temevo che mi sarei schiantata. Era totalmente esagerato, non avevo bisogno di una Rolls Royce... Alla fine me ne sono liberata e ho preso qualcosa di più piccolo.

10. Dopo i Fleetwood Mac non riusciva più nemmeno a guardare un pianoforte

Nel 1998 Christine Perfect decise di lasciare la band. Fu un duro colpo per il resto dei membri dei Fleetwood Mac, e anche lei ne risentì. Tuttavia suo padre si era gravemente ammalato, e lei rinunciò al palco per stargli accanto. Fu un periodo difficile: basti pensare che tempo prima, durante un concerto da solista, aveva lasciato il palco perchè non le sembrava giusto esibirsi senza gli altri. 

Non a caso da quando se ne andò dai Fleetwood Mac smise anche di suonare il pianoforte. Sarebbe tornata nella band solo nel 2014, dopo una pausa di oltre 15 anni... la tastierista proprio non ce la fa a stare lontano dalla musica!

You May Also Like