5 dischi consigliati per scoprire Suzi Quatro

suzi quatro

Ragazza in un mondo largamente dominato dagli uomini, grazie al suo look, al suo carisma, e alle sue qualità, Suzi Q è stata la regina del glam rock anni 70.

Fino a quando una ragazza di nome Suzi Quatro non apparve sulla scena del glam anni 70, il ruolo delle musiciste rock e pop era in gran parte dimesso e limitato a posizioni secondarie. Con lei cambiò tutto: carismatica, ribelle, aggrappata a un basso alto quasi quanto lei, con approccio quasi animalesco offrì al pubblico un rock'n' roll viscerale, ispirando intere generazioni. A sua volta, si ispirava a Elvis Presley, visto cantare Don’t Be Cruel all'Ed Sullivan Show, a soli sei anni.

Vi abbiamo raccontato la storia di Suzi Quatro in questo articolo. Oggi vogliamo consigliarvi cinque dischi per (ri)scoprire la prima bassista donna che, con la sua Can The Can, conquistò negli anni Settanta ogni parte d'Europa e non solo.

SUZI QUATRO (Rak, 1973)

ROC276.buyers.1_suzi_quatro c51baff1798746388a8ad5b7833e8835

La copertina non si può ignorare: al centro, in primo piano, mani sui fianchi con atteggiamento di sfida, giubbotto di pelle, ecco Suzi. Dietro, col look giusto, tenebrosi, Tuckey, Neal e McKenzie. Il disco esplose sulla scena glam come una bomba a mano. Il groove è inconfondibile: la straordinaria voce della Quatro modellò il futuro del rock'n'roll.

QUATRO (Rak, 1974)

ROC276.buyers.2_quatro 623ef21246134862b50915873927373d

Il 45 giri era il formato perfetto per il glam rock: i fan squattrinati semplicemente non potevano permettersi gli LP. Per cui, QUATRO non entrò nemmeno in classifica. Eppure lo meritava: The Wild One è oro puro, e la sua fiammeggiante Keep A-Knockin’ di Little Richard non è solo un superbo boogie, ma è anche la cosa più vicina al movimento #metoo che si possa trovare a metà anni 70.

SUZI... AND OTHER FOUR LETTER WORDS (Rak, 1979)

ROC276.buyers.3_suzi_and_other_four_letter_words 7fffd17dc032423

Il produttore Mick Chapman aveva appena trasformato i Blondie nelle star del post punk con PARALLEL LINES, e applicò lo stesso trattamento a pezzi come I've Never Been In Love, Mind Demons e She’s In Love With You. Un gioiello colpevolmente trascurato.

IN THE SPOTLIGHT (Cherry Red, 2011)

ROC276.buyers.4_suzi_quatro_in_the_spotlight e9fc1abdcdc6404b840

Un disco veramente Suzi Q per il XXI secolo che non si abbassa a imitare il mainstream, ma allo stesso tempo sa stare al passo con i tempi. La Quatro è a suo agio, soprattutto in una possente versione di Strict Machine di Goldfrapp che richiama la celeberrima Can The Can.

NO CONTROL (Steamhammer, 2019)

ROC276.buyers.5_no_control c1f8ce2216094c0587793c6876c7bea4

Realizzato col figlio Richard Tuckey alla chitarra, NO CONTROL dà l'impressione di un nuovo inizio. La produzione di Mike Curtis è moderna e compatta e quando Suzi spinge (No Soul-No Control) e si abbandona a un blues trascinante (Don't Do Me Wrong) o a un rovente boogie (Macho Man), ecco l'immortale icona rock. Con l'età, Suzi Quatro sembra addirittura migliorare.

Commenta Via Facebook

You May Also Like